Premio

Darci un taglio e mettere a fuoco

Non so il vero motivo per cui ho deciso di dare ai capelli un nuovo taglio.
Un impulso improvviso in una giornata di relax. Una ricerca facile di novità, per iniziare a sbloccare qualcosa prima fuori e poi dentro, forse.
So solo che ho pronunciato la fatidica frase “Faccia lei” rivolta al parrucchiere.
Ebbene, quando pronunci quella frase DEVI essere certo e consapevole di quello a cui puoi andare incontro.
Per fortuna ho posto degli argini dicendo di evitare rasoiate e ciuffi ingovernabili da mani inabili alla magica arte dell’acconciatura, come le mie. Però non è che il risultato mi abbia molto convinta, o forse semplicemente non sono abituata a vedermi diversa. Fatto sta che il giorno successivo sono uscita di casa sperando di sfuggire all’implacabile giudizio del prossimo. Inutilmente.
Commenti del Giorno 1 – la piega ha passato la notte:
1) Wow stai benissimo! Molto meglio di prima!!!
2) Che bel taglio come quello di nomeditiziafamosaperfortunacarina!
3) Sembri ringiovanita! E poi il carrè quest’anno è di gran moda!
4) Non sembri più tu!
Commenti del Giorno 2 – dopo la doccia i capelli sono stati semplicemente asciugati col phon:
5) Che coraggio hai avuto a tagliarli così tanto!
6) … (faccia interrogativa di chi nota che è cambiato qualcosa ma non capisce cosa)
7) Assassina! Le donne stanno bene coi capelli lunghi!
Commenti del Giorno 3 – seguendo suggerimenti ho sistemato le punte con la piastra:
8) Uhm…quando si tagliano i capelli è perché è successo qualcosa…
9) Che aria fresca e sbarazzina!
10) Cosa dice il tuo fidanzato?
Per fortuna la gente si è abituata al cambiamento prima di me e già dal Giorno 4 sono rientrata pian piano nell’anonimato. Mi rimangono ovviamente dubbi e incertezze:
– Volevo avere un’aria autorevolmente femminile e invece…
– Non ho mai saputo farmi la piega, figurati se imparo adesso
– Meno male che ricrescono
– Perché ho fatto questo colpoditesta?
Per distrarmi da queste fondamentali problematiche faccio qualche salto fra i blog e approfitto di questo post per ringraziare uno dei miei spacciatori di buonumore preferiti, TIOLY, che mi ha conferito il premio “credi di avermi messo a fuoco?”.
Giacché la pigrizia governa il mio tempo libero, non seguo le istruzioni standard ma rilancio il premio a chiunque voglia risolvere il seguente giochino, ovvero
Trovare la giusta correlazione tra i commenti suddetti e i seguenti personaggi:
a) La Segretaria
b) La collega amichevole
c) Il collega “Restivo”
d) Quello-che-vuole-fare-il-simpatico
e) Il Capo
f) La collega stronzetta
g) Il Marpionazzo
h) L’amica esperta di look
i) Il Fidanzato
j) La Giovanile
Le soluzioni a pag.46 della settimana Enigmistica.

ff-012

http://www.youtube.com/watch?v=A_sY2rjxq6M

(a proposito di mettere a fuoco)

Il mio primo Award

Immagine

Ringrazio tantissimo Carrie, una delle prime anime affini incontrate su questi lidi, che con la nominéscion per il LIEBSTER AWARD mi ha introdotta ai giochi di società della rete e mi ha fatto scoprire tanti blog che leggerò golosamente.

Come la procedura prevede, mi accingo quindi a rispondere alle domande poste:

1) Avete mai tradito? Non solo il compagno/a di vita, ma anche un amico, voi stessi, la squadra del cuore…

No, almeno non consapevolmente. Forse è l’unica cosa in cui sono coerente.

2) Qual è la canzone che canticchiate più frequentemente sotto la doccia, al momento?

La Terra dei Cachi di Elio e le Storie Tese.
3) Se poteste fare il lavoro dei vostri sogni, ma proprio i sogni più grandi, cosa vorreste fare?

La  spacciatrice di idee e decoratrice di storie, ma non mi dispiacerebbe neppure fare l’assaggiatore di esperienze.

4) Chi gettereste dalla famosa rupe?

Troppa gente, forse farei prima a lanciarmi io. Chiaramente con un paracadute.

5) Da chi correreste se bruciasse la città?

Prima di tutto: quale delle città dove ho sparpagliato cuore e affetti? Pensando a quella in cui vivo: correrei a salvare il mio gatto.

6) Avete o avete avuto animali domestici?

Miao! Come dicevo sopra.

7) Scegliete l’unico libro da portare con voi sulla famosa isola deserta!

Il vecchio libro delle favole che mi leggeva nonna prima di dormire, lo stesso che leggeva a mio papà quand’era piccino.

8) Scegliete un libro che avete detestato particolarmente, e diteci il perché.

“Come diventare buoni”di Nick Hornby. Fu un doppio regalo per un compleanno indimenticabile ma che preferisco dimenticare.

9) In che tipo di abitazione vi piacerebbe vivere?

Una villetta dei primi del 1900 in centro città.

10) La vita è sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?

I sogni, quelli belli, aiutano a dormire meglio…e quindi a vivere meglio almeno la giornata successiva.

Ecco invece le questioni che pongo alle mie vittime ai prescelti. Perdonate alcune banalità, come variazione sul tema potete rispondere con immagini, suoni, odori…

1-      La vendetta è un piatto da servire freddo o caldo?

2-      Quale mezzo di trasporto preferisci?

3-      Se hai un momento solo per te, come lo utilizzi?

4-      Di cosa non ti stancheresti mai?

5-      Il primo film e l’ultimo che hai visto al cinema?

6-      Qual è la lunghezza ideale per un post?

7-      C’è una canzone o brano musicale che non sopporti? Perché?

8-      Esistono ancora le mezze stagioni?

9-      Qual è il posto ideale dove nascondersi? E per nascondersi da cosa?

10-   Meglio pochi ma buoni o tanti ma così-così?

Ed ecco i blog prescelti:

Devo precisare che (per velocizzare le operazioni) ho scelto “per anzianità” fra i blog che seguo, escludendo quelli che immagino abbiano superato di 200 iscritti. Ma non ho verificato se sia così, o se avete già ricevuto altri premi. Ovviamente non mi offenderò se non parteciperete al gioco, per me è la prima volta e quindi non ho resistito alla tentazione.

fuorilogo

ammennicolidipensiero

zoneerrogene

puroteatro

puronanovergine

ilcomizietto

musicfortraveler

laradiceno

ventunosu21

e, dulcis in fundo, rifletto il premio a Carrie, perché mi piacerebbe conoscere le sue risposte.

Post Scriptum – Appena mi accingevo a pubblicare questo post,ho scoperto che anche Pinocchio mi ha nominata per un premio a scelta. Lo ringrazio quindi moltissimo per poter esporre in bacheca il prestigiosissimo TELEMINCHIONE!

Immagine

Chiedo venia per il fatto che non replicherò la procedura, ma essendo una novizia dei blog non ne ho ancora esplorati abbastanza e, come forse avrete intuito, ho dei tempi un po’ dilatati… in questo caso anche per una buona causa: ho portato la macchina all’autolavaggio.