Mai dire May

Gli sbalzi termici del mese di maggio, che battono in frequenza e intensità persino i miei sbalzi d’umore, negli ultimi anni hanno aumentato la mia antipatia nei confronti di questo mese. Antipatia iniziata ai tempi delle elementari, quando il mese mariano ci costringeva al rito della messa quotidiana prima dell’inizio delle lezioni. La scuola di suore dove ho iniziato a studiare aveva mille meriti (di cui spero di riuscire a raccontare), ma fra i bellissimi ricordi legati a quei tempi di certo non spicca il sacrificio (o “fioretto”) mattutino di assistere ad una funzione completa, che peraltro riduceva il tempo da dedicare a più ludiche attività.

La nausea nei confronti del mese primaverile per eccellenza è proseguita con la gioventù e la coincidenza con il massimo fiorire dei problemi ciclici quali: aumento dei brufoli, culmine delle fatiche di studio (pagella e poi esami), ansie da saggio/prove di fine anno, inizio stagione di gare…senza dimenticare la fatidica prova costume. Negli ultimi tempi si è aggiunta l’insofferenza per i cliché melensi del mese (le rose, lo sbocciare della natura e dell’ammore, la festa della mamma, ecc ecc).

Sto probabilmente diventando acida, cinica e rancorosa, quindi decisamente vecchia dentro oltre che fuori. Non potendo permettermi costosi interventi esteriori (e qui ci sarebbe da scrivere anche sui penosi tentativi fai-da-te di sconfiggere il rilassamento cutaneo), cerco almeno di intervenire con un lifting dei pensieri, facendo lo sforzo di concentrarmi su quelli positivi per raggiungere un minimo livello di giovanile ottimismo.

Un esercizio molto utile a riguardo è stato quello di pensare a tutti i “mai dire mai” della mia vita che hanno portato ad insospettabili e inaspettati cambiamenti, ma scegliendo solo quelli con esito positivo. Ne elencherò alcuni, in ordine casuale:

  • Non potrei mai vivere a Milano
  • Non mi metterei mai con un uomo barbuto
  • Non mi passeranno mai le vertigini che mi vengono quando mi affaccio da un balcone
  • Quando avrò smesso l’attività agonistica non migliorerò mai più una prestazione fisica
  • Dopo una certa età non potrò mai più imparare a fare bene qualcosa di nuovo
  • Mai più le gonne corte quando sarò arrivata ai xx anni
  • Non mi piaceranno mai il vino e la birra

Ne ho altri che però per ora non hanno trovato smentita, per cui ometto di citarli, un po’ per timore e un po’ per scaramanzia.

SAMSUNG

Annunci

17 comments

  1. Come canta una canzone

    “Mai dire mai è una frase stupida,
    L’hanno detta troppe volte.
    Prendi me, ad esempio,
    Che con questa storia del mai dire mai
    Ho detto e fatto cose che
    Mai e poi mai avrei voluto dire o fare mai.
    E ma chi se ne fotte!
    Santo cielo, che sarà mai”

    In fondo sai che noi se fosse tutto lineare, invece poi accadono sorprese 🙂

    1. In effetti è abbastanza fastidioso, soprattutto quando cerco di mangiarlo con le bacchette al ristorante cinese. Però sotto forma di una bella pannocchia appena colta e grigliata ti dirò che non mi dispiace affatto!

  2. In effetti tante cose a cui avevi detto mai, ora sono positive nella tua vita. È proprio bizzarro, a volte, il destino!
    Ma… Una curiosità: quale sport praticavi agonisticamente?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...